LELO_VOLONTE_Consigli per il sesso a distanza

Consigli per il sesso a distanza

Era il 2019 e le coppie che si trovavano a vivere una relazione a distanza erano quelle che vivevano uno a Copenhagen e l’altro a Madrid, o almeno uno a Roma e l’altro a Milano. Poi è arrivato il 2020 e, come migliaia di altre cose, ha cambiato anche questo. Ad oggi, se il tuo lui o la tua amata vive già semplicemente in un altro comune potreste trovarvi separati da una sottilissima, invisibile eppure così presente linea di confine. Se poi vivete in Stati diversi, la vostra lontananza potrebbe protrarsi per mesi.

Quindi? Come si sopravvive in attesa che questa attesa sia finita e che gli amanti di tutto il mondo possano ricongiungersi?

Si legge insieme

Molti suggeriscono di provare a scrivere dei racconti o, perché no, addirittura dei romanzi erotici. Ma se la scrittura non è il vostro forte, che ne dite di prendere un appuntamento telefonico per leggervi reciprocamente delle storie erotiche? Potrebbe essere un modo per rompere il ghiaccio e nutrire nuove fantasie.

Si guarda un porno. Insieme

Scegliete un titolo che incuriosisca entrambi, sincronizzate l’avvio e… buona visione! Potete stare al telefono per scambiarvi impressioni sul momento, o sentirvi al termine del film per discuterne i momenti salienti e l’ispirazione che potreste averne preso.

Leggi anche: 10 motivi per cui guardare un porno in coppia può essere una buona idea

Ci si telefona. Nudi

No, non stiamo parlando di una videochiamata osé, ma di una classica telefonata vecchio stile, di quelle in cui tieni il telefono all’orecchio e lasci il resto alla tua fantasia. Fatelo nudi e raccontatevi quello che state vedendo, quello che state facendo. La distanza è il regno dell’immaginazione, nutritela con le giuste immagini.

Ci si mandano scatti osé. Via posta

C’è un fascino senza tempo in tutto quello che è rétro, e se lui/lei può aspettarsi di ricevere una tua foto senza veli sullo smartphone, sicuramente rimarrà molto più sorpres@ nel trovare un tuo scatto sexy, in formato polaroid, allegato a  una lettera. Di quelle che si scrivono con carta e inchiostro.

Come per gli scatti digitali, anche per quelli analogici vale la regola di renderti irriconoscibile, quindi non esitare a sforbiciare dall’inquadratura qualsiasi dettaglio che ti renda identificabile.

Ci si mandano regali. Sexy

Sorprendil@ con un sex toy, un frustino, un paio di manette. Chiedigli/le di imparare a usarli alla perfezione in questo periodo di separazione.

Ci si masturba. Da soli e insieme

La masturbazione è il mezzo più efficace che abbiamo a disposizione non solo per mantenere la nostra sanità mentale in questo periodo di distanziamento, ma anche per mantenere vivo il nostro desiderio sessuale. Masturbatevi da soli e ‘insieme’. Se lo fate insieme, che si tratti di una vera e propria videochiamata o una più tradizionale sessione dal cordless di casa, non dimenticare di proteggerti dalla possibilità che l’altra persona ti filmi e scegli sempre inquadrature che non ti rendano riconoscibile. Soprattutto se la persona con cui stai chattando è il tuo ultimo match su Tinder che ancora non hai avuto la possibilità di incontrare dal vivo.

Ci si mandano scatti osé (ma non quelli che pensi tu)

Disponi sul letto la biancheria che indosserai per la giornata e mandagli una foto di buongiorno. Inquadra la tua mano che si stringe attorno a un oggetto dalla forma allusiva e completa l’immagine con un testo che non lasci dubbi su cosa vorresti fare se invece di quell’oggetto ci fosse una parte del suo corpo tra le tue mani, scatta la foto di un tubetto di panna e scrivi esattamente dove vorresti spalmarla, prima di leccarla via…

Ci sono mille modi per evocare il sesso e per manifestare le nostre pulsioni senza mostrare nemmeno un centimetro di pelle. A prescindere dalla tua sicurezza, questo tipo di scatti risultano molto eccitanti perché sono meno scontati e soprattutto stimolano l’unica sua zona erogena che puoi raggiungere anche a distanza, il suo cervello.

Leggi anche: Sesso al telefono? Si fa così

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

Lascia un commento