Esibizionismo: può trasformarsi in un gioco erotico?

La classica immagine che ci viene in mente quando sentiamo la parola ‘esibizionismo’ è quella di un uomo in impermeabile marrone che si nasconde nell’ombra, pronto a mostrare i propri attributi alla prima vittima che passa.
Chiaro che questo genere di esibizionismo è considerato a tutti gli effetti un’aggressione e viene punito nella maggior parte dei Paesi del mondo.

Altrettanto chiaro è che l’esibizionismo va ben al di là di questo comportamento e comprende manifestazioni molto varie che cambiano da Paese a Paese, in stretta connessione con il concetto di nudità e pudore.

La differenza tra esibizionismo e nudismo è legata in genere all’eccitazione di chi lo mette in pratica. E alcuni comportamenti che sono relativamente comuni in alcuni Paesi, come il mettersi in topless in una spiaggia italiana, sono la norma in altri, come alcuni villaggi africani dove le donne girano a torso nudo esattamente come gli uomini, mentre in altri ancora, come gli Stati Uniti, sono  stati accettati solo di recente.
Il senso del pudore e gli atteggiamenti socialmente accettabili variano immensamente da cultura a cultura.

‘Da vicino nessuno è normale’: le molte declinazioni del fetish

CONTINUA A LEGGERE

Che cos’è l’esibizionismo?

L’esibizionismo è stato considerato per lungo tempo una patologia.

Ma recentemente sono sempre più numerosi i testi che tendono a restituire alla parola tutta la sua complessità. In realtà, come abbiamo già visto, una condotta viene etichettata come propriamente esibizionista in base alla cultura all’interno della quale si verifica.

FRUSTINO_SENSUA

Esiste poi una classificazione che, partendo dalla definizione di esibizionismo come la pratica di mostrare gli organi genitali in pubblico, considera le mille sfaccettature che può assumere:

Criminale, nel qual caso si associa a ulteriori azioni di violenza;

Puro, nel caso in cui la persona in questione si limiti ad esibire i genitali;

Fantasioso o immaginario, quando l’esibizionista semplicemente si eccita all’idea di sapersi osservato nella sua nudità;

Privato, intimo o esclusivo, questa tipologia non solo si colloca all’interno delle parafilie, ma riguarda una serie di comportamenti che possono variare dal narcisismo sessuale (eccitarsi maggiormente quando ci si masturba di fronte a uno specchio) fino al candaulismo, che spieghiamo più avanti.

MASTURBAZIONE_MASCHILE

Teorie e tecniche della masturbazione maschile

CONTINUA A LEGGERE

I vari tipi di esibizionismo

Anasyrma, mooning, flashing, streaking e topless

Sono manifestazioni leggermente diverse, ma le possiamo infilare tutte nella stessa categoria perché lo scopo in questi casi non è quello di eccitarsi sessualmente anche se, evidentemente, tale ipotesi non è esclusa.

E così l’anasyrma è l’atto di una donna che si solleva la gonna e mostra i genitali, un gesto che in passato veniva considerate carico di poteri. Il flashing può includere la stessa azione, ma il più delle volte quello che si mostra è il petto.  Come avviene con il topless che però è legato a manifestazioni di protesta o al desiderio di avere un’abbronzatura uniforme. Mentre il mooning è la pratica, di origini antichissime, di mostrare il fondoschiena a nemici e detrattori, allo scopo di manifestare tutto il proprio disprezzo o dissenso, spesso in maniera goliardica. E lo streaking è la definizione tecnica di quello che abbiamo visto mille volte in tv, quando una persona nuda invade un campo di calcio, la pista di un ippodromo o un qualsiasi altro spazio pubblico, in genere di fronte a una folla spettatrice (e spesso alle autorità), a scopo di protesta o per richiamare l’attenzione su una causa.

10 curiosità che riguardano il lato B

CONTINUA A LEGGERE

Martymachlia

Un nome così strano serve a definire una delle parafilie più comuni: l’eccitazione derivante dal fare sesso di fronte al altre persone. Che comprende la sotto categoria del dogging: quando ci si eccita all’idea di fare l’amore in luoghi pubblici, come parchi, piazzole di sosta o boschi. Il termine (e la pratica) nasce in Inghilterra, dove le coppie escono a ‘portare a spasso il cane’ per poi dedicarsi a tutt’altra attività. Spesso il fenomeno dà origine anche a fenomeni di scambismo tra le coppie.

SVELTINA

8 luoghi ideali per la perfetta sveltina

CONTINUA A LEGGERE

Sempre in Inghilterra è nata o quanto meno è stato coniato il termine per una nuova forma di esibizionismo: il reflectoporn. Ovvero quando fai un selfie di una parte intima su una superficie riflettente: ad esempio un pene su un bollitore. E poi lo condividi nei social network. Of course.

LELO_MIA

Candaulismo

Esibizionismo e voyeurismo, che sembrano l’uno il contrario dell’altro, sono in realtà opposti che spesso convivono in un medesimo individuo o nei due membri della coppia, come dimostra il candaulismo ovvero l’eccitazione che nasce dal mostrare il proprio partner, nudo, a terzi.

Il nome deriva da quello del re Candaule che, come racconta Erodoto nelle sue Storie, era convinto che sua moglie fosse la donna più bella del mondo. E, precursore delle gioie della condivisione che oggi così bene conosciamo, chiese alla guardia del corpo Gige di spiarla di nascosto, in modo che potesse confermare la sua opinione. Ma la regina si accorse di essere spiata e, capito che avveniva con la complicità del marito, mise Gige di fronte al classico aut aut: uccidere il re o uccidersi. Gige scelse di eliminare Candaule, sposò la regina e divenne re.

Un’estremizzazione del caundalismo è il cuckold, quando cioè ci si eccita a vedere il proprio partner fare sesso con un altro/a, come avviene in questo racconto erotico:

LELO_VOLONTE_Regalo di San Valentino_racconto erotico_1

Regalo di San Valentino (prima parte) – Racconto erotico

CONTINUA A LEGGERE

In questi casi, come vedi, si tratta più che di una parafilia esibizionista, di una condotta voyeurista perché chi si esibisce non è la stessa persona che si eccita.

L’esibizionismo come gioco erotico

Ok, adesso le cose sono un po’ più chiare: a eccezione delle patologie, ci sono moltissime persone che hanno anche un piccolo lato esibizionista o voyeurista.

Uno dei più eccitanti giochi erotici, per esempio, consiste nell’usare un sex toy indossabile in pubblico, meglio se dotato di telecomando, da affidare al partner e, anche se nessuno se ne accorge, è ovvio che l’eccitazione si origina non solo dalla stimolazione fisica (per la donna), ma dall’intrigante situazione, dal rischio che il nostro vicino si accorga di quello che sta avvenendo tra noi e il partner.

LELO_HULA_BEADS

Perché è attraente?

La verità è che la metà del fascino dell’esibizionismo risiede nel rischio di essere colti in flagrante e nel fatto che si tratta di una pratica proibita e non convenzionalmente accettata. Vedersi o semplicemente immaginarsi in queste situazioni è sufficiente ad eccitarci e a spingerci verso nuove avventure.

LELO_VOLONTE_10 giochi erotici di coppia

10 idee per altrettanti giochi erotici di coppia

CONTINUA A LEGGERE

Come sviluppare un sano esibizionismo

La chiave per esplorare il feticcio dell’esibizionismo è più o meno la stessa delle altre parafilie: se non sei sicura di quello che desideri, il miglior modo di procedere è fermarsi, riflettere, parlare con il partner e osservare le tue sensazioni. E sperimentare a piccoli passi e, evidentemente, sempre nei limiti del lecito.

Senza dimenticarsi un assunto fondamentale: che nel sesso tutti giocano allo stesso gioco, anche se con ruoli opposti.