10 curiosità che riguardano il lato B

Croce e delizia del genere femminile, delizia (e basta!) del genere maschile, il sedere è una delle parti del corpo più ammirate della donna ma, sappiatelo, anche dell’uomo.

È solo che noi donne riusciamo ad essere un po’ più discrete quando si tratta di posare lo sguardo su un bel fondoschiena e difficilmente vi fischieremo dietro. Ma quando siamo tra di noi, è uno dei primi dettagli anatomici di cui discutiamo.

Anche se non conoscevamo tutte le curiosità che lo riguardano.

10 incredibili curiosità sul clitoride che ti incuriosiranno

CONTINUA A LEGGERE

1. Il belfie, sì esiste

Sei una frana con i selfie? L’espressione imbronciata su di te non funziona e l’illuminazione che scegli fa immancabilmente emergere i tuoi difetti? Niente paura, puoi sempre rifarti con i belfie, i selfie per il lato b. C’è chi addirittura ci ha costruito sopra una carriera.

2. Il muscolo più potente

La funzione dei glutei non è solo quella di renderci attraenti. Sono loro che ci permettono di stare in posizione eretta, di camminare e correre. Sono formati da ben tre muscoli: il grande, il medio e il piccolo gluteo e il grande gluteo è il muscolo più potente del corpo umano.

Che tocco vuoi? Il piumino TANTRA e il frustino SENSUA di LELO messi a confronto

CONTINUA A LEGGERE

3. Il grasso buono (sì, esiste!)

Hai presente quando ti lamenti che quando ingrassi, ingrassi subito lì? Beh, non lo fare più: sono gli estrogeni ad accumulare il ‘grasso’ sui glutei, sui fianchi e sulle cosce femminili, mentre il testosterone agisce in maniera contraria sugli uomini.

Ecco perché il sedere delle donne ha in genere una forma più tondeggiante. Ed ecco perché gli uomini l’apprezzano tanto, è una caratteristica precipuamente femminile!

4. La sculacciata erotica o spanking

Colpire i glutei di un uomo o di una donna ha spesso un effetto erotico, non solo per la vicinanza tra la mano di chi sculaccia e gli organi genitali dello sculacciato, ma anche per la quantità di sangue che il gesto fa affluire alle zone erogene principali. Può essere praticata a mani nude o con uno sculacciatore, un bastone o un frustino.

Le prime testimonianze di sculacciata , o meglio di flagellazione, erotica risalgono al VI sec. a. C. e si trovano in alcune tombe etrusche, ma la pratica ha conosciuto popolarità in epoche e ambiti diversi. È uno dei rituali che caratterizzano una relazione di tipo BDSM, ma è sempre più praticato da tutte le coppie.

FRUSTINO_SENSUA

5. Richiamo ancestrale

Quando la donna inarca la schiena e spinge in fuori i glutei, l’uomo perde la ragione. Il motivo? In natura è considerato un segno di disponibilità sessuale. Niente di strano quindi che il notevole (in tutti i sensi!) posteriore di Kim Kardashian abbia suscitato tanto scandalo.

6. I (molti) piaceri del lato B

Il sesso anale sta diventando sempre più popolare all’interno della coppia etero, anche nelle sue declinazioni più osé di anilingus e pegging. Leggi i nostri articoli per scoprirne tutti i segreti!

LELO_VOLONTE_Sesso anale per l'uomo etero

Come fare sesso anale se sei un uomo etero (e perché)

CONTINUA A LEGGERE

7. Zona erogena, par excellence!

I glutei sono, a buona ragione, considerati una zona erogena. Non solo celano l’ano che, per la ricchezza di terminazioni nervose, è una delle zone più sensibili del corpo umano, ma sono vicinissimi agli organi genitali. È per questo che stimolarli con delle carezze leggere o con delle sculacciate energiche è così eccitante.

BATTIPANNI_DI_VIMINI

8. La fine della coda

Il coccige, che conclude la nostra colonna vertebrale e dà inizio ai glutei, è considerato l’ultima testimonianza della coda di cui erano dotati i nostri remotissimi antenati. Oggi ci aiuta semplicemente a mantenere l’equilibrio.

9. Piaceri istintivi

Si pensa che in epoca antica, i primati facessero l’amore esclusivamente da dietro. Sarebbe per questo che i glutei conservano una tale carica erotica per gli uomini. Mentre il feticismo del seno deriverebbe proprio dalla sua somiglianza con le natiche.

LELO_LOKI WAVE_NERO

10. La prima parolaccia del cinema italiano

La pronuncia Totò nel film ‘I due colonnelli’, quando di fronte alle insistenze del maggiore Kruger che ribadisce, più e più volte, di avere ‘carta bianca’, ribatte esasperato ‘E ci si pulisca il culo!’.

Il grande attore non dirà mai più una parolaccia in tutta la sua carriera.