Home / SESSO & RELAZIONI / Dritte & consigli per il sesso / Nuove frontiere del sesso anale per lui: il pegging

Nuove frontiere del sesso anale per lui: il pegging

È la nuova moda sotto le lenzuola, l’ultima tendenza in fatto di anale per lui, il pegging è passato da pratica da film hardcore degli anni ’70 a ultima piccante conquista della coppia eterosessuale degli anni 2000.

Tu ne hai sentito parlare da qualche amica, ne hai sicuramente letto in qualche articolo, addirittura potresti averlo visto in qualche film, ma ancora ti sfugge, esattamente, di cosa si tratti?

Tranquilla, come diciamo spesso (e non c’è niente di più vero!), siamo qui per questo.

Che cos’è

Come funziona

Sicura di conoscere la differenza tra dildo e vibratore? (se non ne sei sicura, leggi qua).

Durante il pegging, la donna si assicura un dildo con una cintura ai fianchi, in modo che spunti come farebbe il pene di un uomo (o usa uno strap on dildo, ovvero un oggetto già inserito in una struttura che si può allacciare in vita) e lo usa per penetrare analmente l’uomo. La coppia si ritrova così, per la prima volta, in una posizione totalmente rovesciata, in cui è la donna a penetrare e l’uomo a ricevere.

LELO_IDRATANTE_PERSONALE

La questione del nome

La pratica del pegging nasce ben prima del suo nome: il marchese De Sade (e chi sennò?) la descrive già nel suo La filosofia nel boudoir nel lontano 1795. Ma è alla fine degli anni ’90 del ‘900 che ci si rende conto che gli strap-on vengono acquistati per lo più da coppie etero, per essere usati dalla donna sull’uomo.

Sull’onda di questa scoperta nascono una serie di filmati ‘illustrativi’ dal titolo Bend over boyfriend, dove ‘bend over’ significa ‘piegarsi’. Ma la frase è troppo lunga per indicare la pratica e il suo acronimo BOB non ha grande successo. È per questo che Dan Savage, scrittore e storico sostenitore dei diritti LGBT, sollecitato da un lettore, indice una specie di sondaggio dal quale emerge come più votato il termine ‘pegging’.

Da allora in poi, il nome e la pratica del pegging entrano a far parte della nostra realtà.

LELO_MASSAGGIATORE_BRUNO_NERO

Come si fa

Le precauzioni

Il sesso anale è sempre una faccenda delicata, sia da un punto di vista fisico che igienico (oltre che psicologico!).

L’ano non ha lontanamente l’elasticità della vagina ed è un ambiente nel quale transitano e possono ristagnare i batteri. Quindi la prima precauzione da prendere quando si tratta di pegging è di igienizzare il sex toy che si è deciso di adoperare immediatamente prima e dopo l’uso. O, meglio ancora, coprirlo con un preservativo che rende anche più facile l’inserimento.

LELO_HEX_IL_PRESERVATIVO_REINVENTATO

La seconda precauzione è quella di usare una quantità esagerata di lubrificante e di procedere per tentativi, ma soprattutto gradualmente. Inizia a stimolare il tuo compagno con un dito ben lubrificato o, se la cosa ti intriga, meglio ancora, con la lingua, prima di infilare lentamente il dildo.

Le posizioni migliori

Dipendono dal grado di confidenza che il partner ha nei confronti del rapporto anale. Per un principiante le scelte migliori sono il cucchiaio e il doggy style (al contrario, ovviamente, con la donna dietro). E vale la regola di procedere lentissimamente per dare modo a lui di abituarsi alle nuove sensazioni.

Se invece il tuo uomo è già un po’ esperto, potete azzardare un missionario o addirittura un’amazzone (anche nella versione rovesciata) in cui lui si pone sopra di te e decide fino a che punto spingersi.

Perché si fa

Le maggiori riserve, quando si tratta di sesso anale all’interno della coppia eterosessuale, non sono tanto di tipo fisico, quanto psicologico. E se a volte la donna trova difficile accettare il fatto che il partner desideri possederla in modo alternativo, questo è tanto più vero quando è l’uomo il soggetto passivo.

Oltre alla paura di provare sensazioni spiacevoli, esiste una paura a volte forse ancora maggiore di provare sensazioni così piacevoli da mettere in discussione il proprio orientamento sessuale.

LELO_LOKI WAVE_NERO

In realtà, se nella donna il godimento legato al sesso anale è dovuto al fatto che l’ano è una zona ricchissima di terminazioni nervose e quindi, a tutti gli effetti, una zona erogena, nell’uomo è uno dei modi, il più diretto, per stimolare la prostata, considerata alla stregua di un punto G maschile.
Certo, la prostata può essere stimolata anche semplicemente con un massaggiatore prostatico, nella privacy della propria solitudine, o in coppia, semplicemente affidando alla partner il massaggiatore.

Il pegging è un modo per rovesciare completamente i ruoli, per assumere un punto di vista totalmente nuovo, in cui uomo e donna si guardano e si regalano piacere da una prospettiva rovesciata. Quella dell’altro.

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

6 commenti

  1. Il difficile è trovare una lei a cui piace farlo

  2. sono di bologma 56enne e la cosa mi incuriosisce molto sarei pronto a provarlo ma penso debba esserci un po di filing a presto

  3. Donne vi diamo anche il culo che volete di piùùùùùùùùùù

  4. Sono di Genova e mi piacerebbe incontrare una donna che mi facesse provare questa nuova esperiensa ma è molto difficile Mario 51

  5. Mi piacerebbe trovare una lei che volesse insegnare a uno vergine come me questa arte, che a sentir dire pota al settimo celo .

  6. Ragazzi non è molto difficile, però bisogna a volte intuire con chi si possa fare o no, lasciando il corpo e non il cervello guidare il piacere. Sarei lieta di iniziare chi aspira a scoprire questa deliziosa pratica…

Lascia un commento