Istruzioni per l’uso di INA 2, il vibratore rabbit che ha fatto la rivoluzione

Adesso può sembrare normale, perché se l’imitazione è la più alta forma di ammirazione, beh LELO può dirsi un marchio molto imitato, pardon, ammirato. Adesso INA può sembrare un vibratore rabbit come tanti, forse un po’ più bello, un po’ più morbido, un po’ più fluo, ma quando il modello originale ha fatto il suo debutto sulla scena internazionale, ha completamente rivoluzionato il concetto di rabbit.

Basta fare una ricerca per immagini su google e ci si trova sommersi da una miriade di oggetti dalle forma più fantasiose, dotati di mille propaggini e sporgenze e, francamente, brutti.

INA ha cambiato completamente questo panorama inserendo un nuovo concetto di rabbit: un oggetto affusolato con semplicemente una, perché una basta, piccola sporgenza nella parte anteriore.

INA 2, il modello nuovo, riproduce la forma dell’originale, che aveva già tutto in sé, e semplicemente aggiunge più potenza. INA 2 è dunque un vibratore rabbit, ovvero un vibratore in grado di stimolarti sia internamente (punto G), sia esternamente (clitoride), grazie all’azione di ben due motori posti sulle due estremità.
Ma come si usa questa meraviglia della tecnica e del design?

Innanzitutto, andiamo a conoscerlo più da vicino.

Piacere, INA

Come gran parte dei massaggiatori LELO, INA ha più modalità di vibrazione (per la precisione 8) e diversi livelli di intensità. Ma siccome tu, mentre sei lì che ti dedichi al tuo piacere non è che puoi stare a contare, questo sofisticato sistema di stimolazione ti viene comunicato attraverso 4 semplici pulsanti. Premi + e – per, intuitivamente, aumentare e diminuire l’intensità, premi i pulsanti con la freccetta sopra per variare la modalità di vibrazione. Facile no?

Qualsiasi oggetto del piacere, LELO o meno, dà il massimo dei risultati quando è usato insieme a un lubrificante che ne rende più facile l’inserimento o lo slittamento sul corpo. Se l’oggetto che usi è un LELO, abbi cura di scegliere un lubrificante a base d’acqua, perché i sex toy di LELO, quando non sono d’oro o acciaio inossidabile, sono rivestiti del silicone più morbido e pregiato che ci sia. Che si rovina a contatto con lubrificante a base di oli o silicone.

IDRATANTE_PERSONALE

Ottimo, ora che le basi ce le hai, ti diamo un paio di idee, anzi 3, su come usare il tuo LELO.

Se sei tradizionale

Scegli una posizione sdraiata o in ginocchio. Applica del lubrificante su entrambe le punte di INA e sul tuo corpo. Puoi iniziare a stimolare le tue zone erogene esterne con la punta più grande di INA, per far salire la tua eccitazione. Quando proprio non ne puoi più, fai scivolare il braccio più lungo all’interno del tuo corpo e indirizza quello più piccolo sul tuo clitoride. La doppia stimolazione potrebbe portarti a provare un orgasmo senza precedenti.

Se sei sperimentale

Mettiti in piedi e fai scivolare INA dentro di te mantenendolo quasi perpendicolare al tuo corpo. Questo non solo ti regalerà sensazioni diverse internamente, ma anche la stimolazione del clitoride sarà differente. Più che la stimolazione del punto G, infatti, in questa posizione entra in gioco il piacere provocato, non solo dalle vibrazioni, ma anche dal movimento dentro/fuori del vibratore e conseguentemente del piccolo braccio esterno, che si appoggia con intensità variabile sul clitoride (più intensamente quando spingi il massaggiatore dentro il corpo, meno intensamente quando lo estrai).

Per sperimentare con le tue sensazioni, che non è che proviamo tutti piacere allo stesso modo.

Se sei trasgressiva

Sei trasgressiva? Le gioie del sesso anale ti incuriosiscono o sono quelle che ti regalano più piacere? Premesso che in questo caso la dose di lubrificante da usare è ancora maggiore e i tempi di inserimento devono essere ancora più lenti (ma se sei un’estimatrice del sesso anale lo saprai già), mettiti in una posizione comoda e fai scivolare lentamente la parte più lunga di INA dentro il tuo corpo. Senza forzarti, rispettando i tuoi tempi. Il braccio più piccolo sarà comunque in grado di stimolarti le zone erogene esterne della vulva e, in parte, la vagina.

Vuoi fare il botto? Usa le dita sul clitoride.

Buon divertimento!

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

Lascia un commento