Il parere dell’inesperta: la prima volta che ho usato INA 2

Continua la nostra rubrica ‘Il parere dell’inesperta‘: recensioni dei nostri prodotti scritte da voi. Questa volta abbiamo chiesto a una cara lettrice di parlarci di INA 2, il vibratore rabbit più divertente di LELO. Ecco quello che ci ha raccontato.

Il parere dell’inesperta: la prima volta che ho usato LILY 2

CONTINUA A LEGGERE

Un regalo INAspettato

Yoga, viaggi, massaggi, aperitivi: arrivi a 35 anni soddisfatta della tua vita da single, con qualche infatuazione qua e là, qualche bacio rubato, ma senza più molta voglia di perderti dietro a uomini troppo complicati o pieni di sé. E anche la sessualità privata cambia, acquista una nuova importanza. Non posso dire di essere una persona con una fantasia erotica spiccata, mi metterei nella media: uso più il cervello che i sensi e questo a volte è un limite.

Arrivi a 35 anni e, per l’occasione, arriva anche LUI, e già la scatola nera, discreta e elegante, nella quale mi è stato regalato, preannunciava un contenuto prezioso. Non avevo mai utilizzato un sex toy e pensare di averne finalmente uno mi ha fatto sentire un po’ come una protagonista di Sex and the city: una donna ben diversa dalla ragazzina di provincia che ero stata, con le tute acetate e il panino al pub del sabato sera.

L’aspetto di INA 2 lo rende già un oggetto speciale. È elegante, divertente (il mio è verde!), sofisticato. Un oggetto di design che già alla vista provoca piacere. Non vedevo l’ora di provarlo!

Come faccio sempre con le cose nuove ho letto prima attentamente le istruzioni, pulito con cura il mio nuovo amico (è resistente all’acqua) e creato la giusta atmosfera. La prima volta che l’ho acceso, l’ho spento quasi subito: non immaginavo che il piacere mi avrebbe colta così velocemente e ne ho avuto paura. Non mi aspettavo che sarebbe stato così facile introdurlo e che un semplice oggetto meccanico, sebbene molto, molto bello, sarebbe stato in grado di dare quel tipo di sensazioni.

LELO_VOLONTE_Come scegliere il primo vibratore (per lei)

Come scegliere il primo vibratore (per lei)

CONTINUA A LEGGERE

Ci ho riprovato la sera dopo. Non era più la novità e non era più capire come funzionava, ora sapevo che avrebbe funzionato e anche piuttosto bene (!). Così l’ho acceso e mi sono lasciata andare.

La sua doppia stimolazione è fantastica, poter stimolare nello stesso tempo vagina e clitoride mi ha fatto scoprire sensazioni che non conoscevo e che poi ho imparato a riconoscere. Non finirò mai di ringraziarlo!

Si può variare intensità e tipologia di movimento ed è praticamente impossibile non trovare la sensazione che più si adatta al proprio piacere. La batteria inoltre si ricarica in maniera veloce e dura a lungo. E non fa rumore, questo aiuta la fantasia.

È facile starci insieme, bello da vedere e non ti delude. Ha tutto quello che una donna potrebbe desiderare (da un massaggiatore, ma anche da un partner). Per me è stata e continua ad essere un’esperienza indimenticabile ogni volta che sono in sua compagnia. Un modo per abbandonarmi completamente al piacere e fare i conti con i miei desideri. E anche quando mi capitano periodi in cui lo uso meno, sapere che è lì nel mio cassetto, nella sua foderina di raso e la sua elegante scatola, mi dà un senso di sicurezza.
È come sapere che il piacere non finirà mai.