LELO_VOLONTE_3 posizioni per lo spanking

Tre posizioni per lo spanking che tirano fuori il Christian Grey che è in te

Hai voglia di provare qualcosa di nuovo con il partner, ma frustini e catene non ti ispirano. O magari ti ispirano, ma preferiresti un approccio più soft all’intrigante mondo del BDSM?

Hai ricevuto (o dato) una sculacciata giocosa dal partner e la cosa ti è piaciuta, ti è piaciuta moltissimo?

Hai letto una storia  o visto un film con una scena di spanking e ti sei eccitata come non mai?

Bene, abbiamo quello che fa per te, tre posizioni dalla più classica alla più sensuale, per giocare (consensualmente, of course) con lo spanking.

P.S. Per maggiori informazioni su come sculacciare in tutta sicurezza, leggi Spanking: quando le sculacciate sono erotiche.

P.P.S. Le bellissime immagini sono di The Hedonistologist.

Over the Knee (OTK) – Sulle ginocchia

LELO_VOLONTE_Over the knee

È la posizione più classica per lo spanking.

Lui (lei) siede su una sedia o, meglio, su un divano o il bordo del letto. Tu ti adagi sulle sue ginocchia, a pancia in giù, le mani e la braccia appoggiate sulla superficie dove siede lui, oppure a penzoloni.

Lui può bloccarti le gambe con una delle sue, in modo che i tuoi movimenti siano ulteriormente impediti.

Questa è la posizione più classica, più semplice e, probabilmente, la più erotica. Pesca da un immaginario di punizioni corporali, ti mette in una situazione di sottomissione e, nello stesso tempo, hai la possibilità di percepire ogni sua più intima reazione.

Il dettaglio in più

Molte coppie che praticano lo spanking come gioco erotico hanno una serie di piccoli rituali, come un abbigliamento speciale per l’occasione. Se ad esser sculacciata sei tu, indossa un paio di slip sotto una gonna ampia, magari sempre la stessa. Lui può toglierteli del tutto, lasciarli a mezza gamba o spingerli in mezzo ai glutei.

In questa posizione lui può usare qualsiasi ‘strumento’ per sculacciarti: le mani, uno ‘sculacciatore’ (una specie di spatola, generalmente di pelle, fatta apposta) o un frustino, ma le mani sono quelle che danno i migliori risultati, vista la vicinanza tra i vostri corpi.

Va da sé che in questa posizione sia tu che lui potete (dovete?) stimolare il tuo clitoride.

Bend over  – Piegato in avanti

LELO_VOLONTE_Bend over

Tu sei in piedi, lui è in piedi davanti a te, piegato in avanti e appoggiato (o semidisteso) su un tavolo (da lavoro, di cucina, da tennis…).

Se la persona passiva è una donna, questa posizione dà il massimo quando indossa un paio di tacchi che la slanciano e la rendono ancora più instabile. Se è un uomo, lei probabilmente amerà vederlo con i pantaloni a mezza gamba e la camicia scomposta.

Come in ogni posizione, la persona attiva può usare qualsiasi oggetto, da un bastone a un frustino alle semplici mani nude, ma questa posizione dà il meglio di sé con un frustino o uno sculacciatore.

Il dettaglio in più

Fagli una visita in ufficio, chiudi la porta dietro di te e chiedigli di assumere la posizione. Impartiscigli(le) una sculacciata sopra i vestiti (è meno rumorosa) e poi salutalo con un bacio dolce sulle labbra e digli che avrà il resto stasera, a casa, nudo.

Sulla schiena

LELO_VOLONTE_Nelle tue mani

In questo caso, la partner che riceve lo spanking è adagiata a pancia in su, con le gambe sollevate, e offre tutta se stessa alla partner che la sculaccia. È una posizione in cui la pelle dei glutei risulta più tirata e il dolore può essere più intenso.

Per questo, è una posizione che si presta bene all’uso delle mani. Scegliete di sculacciare con un oggetto solamente nel caso in cui vogliate, entrambe, qualcosa di più intenso.

Il dettaglio in più

In questa, ma anche nelle altre posizioni, se è la donna ad essere sculacciata, può ulteriormente amplificare le proprie sensazioni indossando un paio di sfere vaginali.

Altrimenti, questa è una posizione che non può non tentarti: che il tuo partner sia uomo o donna, poco importa, l’importante è che ami la stimolazione anale, e se la risposta è sì, alterna le sculacciate a una delicata stimolazione, con le dita o con un vibratore, che può farsi via via più intensa e culminare in un vero e proprio rapporto.

Mmmh…

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

Lascia un commento