5 posizioni per fare l’amore e tonificarsi

Sì, lo sappiamo che si chiamano maniglie dell’amore e che non hai nessuna intenzione di separartene. Ma se ti dicessimo che esistono delle posizioni che ti permettono di tonificarti mentre fai l’amore che cosa ci risponderesti?

Che vuoi scoprirle immediatamente?

Ti abbiamo letto nel pensiero, perché le trovi tutte qua.

1. Samasthiti

Come lo yoga ci insegna, anche le posture apparentemente più banali possono implicare una buona dose di sforzo e, soprattutto, portare a grandi risultati.

Questa è una posizione che, nonostante la sua apparente semplicità, permette all’uomo di tonificare glutei e addominali, nonché di tenere in esercizio le gambe, mentre consente alla donna di esercitare i sempre indispensabili addominali e, eventualmente, anche le braccia se decide di appoggiarsi al muro.

Per massimo esercizio e incredibile appagamento è bene che l’uomo mantenga le mani libere, in modo non solo da essere obbligato a cercare il proprio equilibrio in piedi, ma anche di poter appagare la compagna con ardite carezze sui seni, il ventre, il clitoride. A mani nude o con un vibratore di piccole dimensioni.

La posizione, ça va sans dire, è adatta anche alla penetrazione anale.

2. Step (up)

Raccomandata a tutte le donne che vogliono migliorare la propria flessibilità.

Mettetevi uno di fronte all’altro, tu (che sei di tuo abbastanza flessibile) sollevi una gamba, magari aiutandoti con una sedia, la spalliera del letto o qualsiasi appoggio si trovi a tua disposizione e la appoggi sul fianco del tuo uomo. Lui, per coadiuvarti nell’impresa, fa passare un gomito sotto il ginocchio. Finisce che lui entra dolcemente dentro di te, mentre tu ti inarchi all’indietro.

LELO_VOLONTE_4 posizioni yoga perfette per il sesso

4 posizioni yoga perfette per il sesso

CONTINUA A LEGGERE

Se poi tu sei particolarmente flessibile, lui può portare la tua gamba addirittura all’altezza della propria spalla. Ripetete con l’altra gamba per compensare. L’esercizio, è abbastanza palese, sviluppa la tua flessibilità mentre rinforza i suoi bicipiti.

Non sei particolarmente agile? Niente paura: appoggia la gamba su un gradino, una seggiola, un letto, come ti abbiamo suggerito sopra e rimani così. Le sensazioni saranno comunque intense e l’esercizio sarà adeguato alle tue esigenze.

3. Presa di potere

Lui è in piedi davanti a te, con le gambe separate in modo da avere la massima stabilità. Tu ti appoggi su una superficie abbastanza alta, lo circondi con le tue gambe all’altezza dei fianchi e lo lasci entrare in questa posizione.

Ma siccome sei una donna degli anni 2000 prendi in mano la situazione e guidi tu l’azione, con movimenti del bacino che oltre a regalare a te e a lui grande piacere, allenano splendidamente i tuoi glutei e i tuoi addominali. Se poi vuoi fare l’esercizio completo, aggrappati a lui e resta sospesa nel vuoto, in modo da potenziare anche le braccia.

Lui, non c’è bisogno di dirlo, deve trasformarsi in una specie di uomo di pietra per sostenerti (e in più sollazzarti), quindi non lascerà uno solo dei suoi muscoli a riposo!

4. Dietro ogni grande uomo…

Hai voluto la parità? Questa posizione, perfetta per il pegging, ti insegnerà che fare l’uomo richiede un certo sforzo. Sicuramente di glutei e addominali. Lui può, come nell’agguato (che più sopra abbiamo fantasiosamente ribattezzato ‘Samasthiti’) appoggiarsi al muro, esercitando pettorali e bicipiti.

Il nostro consiglio? Prova una versione un po’ meno maschia del pegging e invece di legarti un dildo ai fianchi, tieni un vibratore tra le mani. Riuscirai a controllare meglio i tuoi movimenti e ad aggiustarli in base alle sensazioni di lui e avrai una mano libera per stimolarlo ulteriormente. Non solo sul pene, ma anche nella zona del perineo e dei testicoli, in modo da esaltare le sue sensazioni.

5. La sfera di Atlante

Il tuo uomo è così forte che potrebbe sostenere la sfera celeste come il celebre personaggio della mitologia greca?

Mettilo alla prova.

Rannicchiati su una superficie che si trovi più o meno all’altezza del suo bacino (la stessa che hai usato per la ‘presa di potere’). Spingiti il più possibile verso il bordo, cercando di prenderti le piante dei piedi con le mani. Se lui è davvero così forte e degno di fiducia può accoglierti interamente tra le sue possenti braccia. Ma, inutile dirlo, a meno che tu non sia un peso piuma e lui un gigante, questa è una posizione che funziona davvero solo con una parete alle spalle, o un supporto sul quale appoggiarsi di tanto in tanto.

Vuoi davvero l’elenco di tutti i muscoli che questa posizione interessa?

Orgasmo: c’è anche quello da allenamento

CONTINUA A LEGGERE