LELO_VOLONTE_Palline anali

Palline anali: cosa sono, come si usano e perché

Se ci segui da un po’ lo saprai, siamo grandi sostenitori delle palline vaginali. Questo sex toy antichissimo, infatti, ci garantisce grandi benefici e ci procura immenso piacere. Cosa vuoi di più dalla vita?

Come dici? Le palline anali? Come darti torto?

Se invece non sai nemmeno della loro esistenza, rimediamo subito.

Le palline anali: cosa sono?

Si tratta di sfere di dimensioni variabili collegate tra di loro e destinate alla stimolazione anale. E se la sola idea ti fa rabbrividire e ti domandi perché?!?, sappi che l’ano è una delle zone più erogene, sia per l’uomo che per la donna.

Gli esemplari più comuni di palline anali presentano più sfere, in genere da tre a cinque, collegate tra di loro e di dimensione crescente. Ma ne esistono modelli di tutti i tipi: con due sfere e con molte più di cinque, ne esistono modelli con sfere tutte uguali e modelli  con sfere di dimensione decrescente (ovvero nei quali la sfera più grande è quella che si inserisce per prima).

Anche nei materiali, regna la più grande varietà: le sfere anali possono essere di vetro, plastica, metallo, gomma, silicone… ma, come sempre, i materiali sicuri per il corpo sono quelli non porosi, come il vetro, il metallo e il silicone.

Un altro requisito di sicurezza che le sfere, come qualsiasi altro toy anale, devono avere, è quello di terminare in un anello o in una base allargata che impedisca all’oggetto di essere risucchiato all’interno del retto. Perché sì, può succedere. E no, non è bello.

Il filo che collega le palline può essere una vera e propria corda (una soluzione niente affatto igienica) o può essere realizzato nello stesso materiale delle palline. In questo caso la consistenza del toy sarà molto più rigida, ovviamente.

Come si usano le palline anali

Le sfere anali rappresentano un incredibile gioco erotico in sé, ma vengono usate anche per esaltare le sensazioni dell’orgasmo. Il piacere deriva principalmente dal fatto che, al momento dell’inserimento e, soprattutto, dell’estrazione, il loro passaggio stimola tutte le terminazioni nervose di cui l’ano è particolarmente ricco. Se quindi si riesce a far coincidere il momento dell’estrazione con quello dell’orgasmo, il risultato è un piacere molto più intenso e diffuso in tutto il corpo.

Ma possono essere usate anche durante il rapporto sessuale: se è l’uomo a indossarle, potrà godere della stimolazione prostatica, se è la donna, l’uomo sarà in grado di percepirle attraverso la membrana che separa l’ano dalla vagina, e la donna godrà della sensazione di pienezza e del fatto che sarà più semplice arrivare a stimolare la zona erogena del punto G.

Anal beads e butt plug, qual è la differenza?

Si tratta di due oggetti destinati entrambi alla stimolazione anale ma con sostanziali differenze. Il plug ha una forma conica e viene inserito nell’ano per lì restare. Il piacere che la persona che lo indossa ne trae è principalmente nella sensazione di pienezza. Poi, ovviamente, esistono una serie di piaceri collaterali, come quello mentale, e quello di chi indossa un butt plug durante l’amore.

Nel caso delle sfere anali, invece, il piacere deriva maggiormente dall’azione di inserirle e, soprattutto, estrarle.

Palline anali e palline vaginali, qual è la differenza?

Come dice il nome stesso, la differenza è tutta nell’utilizzo. Le palline vaginali sono al massimo due e vengono inserite nella vagina. Sono dotate di una sfera interna che muovendosi provoca delle sottili vibrazioni che vanno ad eccitare la persona che le indossa. E vengono in genere tenute per qualche tempo (a volte persino qualche ora). Può essere certamente piacevole inserirle e sfilarle, ma non è quello il motivo per cui vengono indossate.

Le sfere anali sono invece generalmente più di due, possono presentare dei pesi interni (alcuni modelli presentano anche la possibilità di infilare un vibratore alla base della serie di sfere, per trasmettere le sue vibrazione a tutte le palline) ma non è un requisito così comune come per le palline vaginali, e la parte più piacevole del loro utilizzo consiste proprio nell’inserirle e sfilarle.

Infine, come dicevamo, mentre le sfere vaginali presentano solo un cordino per facilitarne la rimozione, le sfere anali in genere presentano una base allargata o un anello.

Sfere anali: come scegliere quelle giuste per te?

Se leggere questo articolo ti ha messo una grande curiosità e hai deciso di voler provare le sfere anali, abbiamo un po’ di dritte per scegliere quelle migliori per te.

Tutto comincia, ovviamente, con te. Sei una persona curiosa, ma hai zero confidenza con il tuo lato B e l’unica cosa che ci è entrata, controcorrente, è giusto il tuo dito in qualche momento di pulizia particolarmente approfondita? Scegli un modello corto, con poche sfere, di dimensioni piccole e tutte uguali. In questo modo potrai sperimentare con le tue sensazioni procedendo a piccoli passi. Che è esattamente quello che devi fare.

Sei un esperto conoscitore o un’entusiasta frequentatrice del tuo lato B? Allora puoi decisamente optare per un modello più lungo e performante, magari di quelli in cui le sfere sono collegate in ordine descrescente, ovvero la sfera più grande è quella che inserisci per prima ed estrai per ultima. Potresti provare sensazioni molto intense, ma non dimenticare di procedere con grazia e dolcezza, perché l’ano rimane una zona estremamente delicata.

Palline anali, consigli per la prima volta 

Se è la prima volta che le usi, ricordati di poche, semplici regole per garantirti la massima sicurezza. Innanzitutto lavale con un sapone neutro e acqua tiepida e asciugale con un asciugamano che non lasci pelucchi. Mettiti in una posizione comoda e entra nel ‘mood’. Più sarai eccitat@ e rilassat@, più l’inserimento risulterà facile. E poi ricordati le due parole magiche sempre valide quando si tratta di sesso anale: lubrificante e calma. Rivesti le palline di un generoso strato di lubrificante, facendo attenzione a sceglierne uno compatibile con il materiale di cui sono fatte le sfere: se le palline anali sono di silicone, usa un lubrificante a base d’acqua, altrimenti scegli pure un lubrificante a base di silicone. Applica una generosa dose di lubrificante anche su di te. E poi procedi, lentissimamente, all’inserimento. Assapora ogni momento, senza forzare il tuo corpo. La sensazione sarà, indubbiamente, nuova ma non deve risultare dolorosa. Se senti dolore fermati, rilassati, accarezzati e ricomincia da capo. E ricordati che non devi per forza inserirle tutte.

Scegli delle palline in cui le sfere sono collegate da un ‘filo’ rigido, realizzato nello stesso materiale di cui sono fatte le palline. Anche se, a prima vista, ti può intimidire di più, in realtà si tratta di un toy più facile da inserire.

Procedi per gradi, partendo con delle sfere piccole e non troppo numerose. Infine, ricordati sempre di lavare accuratamente le sfere alla fine del tuo gioco, di non inserire mai delle palline anali nella vagina se prima non sono state disinfettate e, allo stesso modo, di non condividerle con il partner, a meno che non siano state accuratamente igienizzate. In mancanza di meglio, puoi ricoprirle con un condom.

E, soprattutto, ricordati di divertirti, sempre. Il piacere è una scoperta senza fine.

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

Lascia un commento