NON SAN VALENTINO

Non San Valentino. Cosa dire, fare, baciare… nel giorno più romantico dell’anno (e negli altri 364)

Ad Alice lo hanno spiegato un po’ di tempo fa: è molto meglio festeggiare le non ricorrenze, visto che i giorni speciali sono pochi, e quelli ‘non speciali’ sono… quasi tutti i giorni!

Eccoti una lista dire-fare-baciare style con un po’ di idee per anniversari, compleanni, San Valentini… ma soprattutto per sorprendere il partner trasformando ogni giorno in una festa d’amore. E buon non San Valentino a tutti noi!

Dire

Le parole sono importanti. Se c’è una frase speciale che ti lega alla tua metà puoi farla passare in cielo trainata da un elicottero, se ne possono affittare a prezzi relativamente modici. Altrimenti limitati a un semplice video messaggio, che il partner potrà vedere e rivedere a suo piacimento. Se poi non sei Cyrano con le parole d’amore, farai ugualmente colpo ricoprendo la tua metà di sms bollenti. O prendendo spunto dai classici della poesia amorosa, come Neruda, Prévert, Hikmet, o erotica, come i Sonetti Lussuriosi di Pietro Aretino. Niente di più letterariamente eccitante.

Fare

Colazione fuori, colazione a letto, colazione in macchina… sconvolgere per un giorno le vostre abitudini, fin dall’inizio della giornata.

Una passeggiata. Abbracciati, in silenzio, magari con la stessa playlist che risuona nelle orecchie di entrambi (basta un piccolo cavo doppio per auricolari).

Un massaggio. Noi ti proponiamo delle candele che sciogliendosi si trasformano in un olio caldo, perfetto per un tocco sensuale. O dei massaggiatori che puoi usare per distendere un muscolo, o eccitare una zona erogena.

Un tatuaggio temporaneo sul corpo del partner, dove solo lui/lei può vederlo. Un souvenir che resterà qualche giorno a ricordarti un momento speciale, se mai avessi bisogno di un promemoria.

Baciare

Il corpo del partner. Centimetro per centimetro, senza lasciare indietro nulla, vincendo tutte le sue resistenze. Soffermandoti soprattutto su un naso storto, un seno piccolo, una cicatrice evidente.

Vedere

Un film sotto le coperte, stretti stretti. Un film d’essai in una saletta semi deserta dove possiamo fare tutto quello che vogliamo. O quasi. Una mostra. Un tramonto.

Ascoltare

Puoi creare tante playlist quanti sono i momenti speciali della giornata che hai in programma: la playlist del risveglio, quella del bagno caldo, la musica per il massaggio rilassante, quella per il sesso e per l’amore… E non lasciarti scappare l’occasione per infilarci un ballo lento e privato sulle note della canzone che vi ha fatto innamorare. E se non ce l’avete ancora, questa è l’occasione adatta per trovarla: la rete è piena di top ten delle più grandi canzoni romantiche di tutti i tempi. Ascoltale, scegline una e falla suonare mentre ti muovi abbracciato alla tua metà.

E da domani avrete anche voi la ‘vostra’ canzone.

Cucinare

Il connubio sesso e cibo è di quelli che ci fanno ringraziare di essere al mondo. Scegli piatti che comportino un’attività sensuale: impastare una pizza a quattro mani, sculacciare un tocco di filetto, leccare l’impasto di una torta dal dito del partner…

Mangiare

I piatti sexy da cucinare difficilmente sono quelli che ci assicurano un prosieguo altrettanto sexy. Il sesso richiede pasti leggeri, che ci lascino con un po’ di appetito e i sensi all’erta: tartufo, ostriche e fragole (o avocado, mandorle e peperoncino, se la tua tasca è un po’ più stretta). Oppure puoi ordinare (o meglio ancora preparare) del sushi e proporlo al partner in stile Nyotaimori, ovvero sul tuo corpo nudo. Non sai da che parte cominciare per preparare il sushi a casa? Sostituiscilo con il frushi e trasformati nel classico dulcis in fundo!

Bere

Anche il bere è un’arma a doppio taglio. Perché se è vero che un po’ di alcol in corpo ti rende più disinibita, è altrettanto vero che ti può appesantire e addormentare, specie se accompagna un lauto pasto. Ti consigliamo quindi di optare per il classico champagne, il più afrodisiaco tra gli alcolici, oppure per una bevanda a base di zenzero o anice, due ingredienti che non solo risvegliano i nostri sensi, ma rinfrescano anche le nostre bocche, rendendole ancora più appetibili.

Indossare

Se vi aspetta una serata casalinga, a guardare film accucciati sul divano, con tanto di coperta, dopo aver mangiato il filetto e il dolce al cioccolato, va benissimo anche il pigiamone. Magari a pelle. Niente di più sexy che essere sorpresi dalla passione quando meno ce lo aspettiamo e scoprire che sotto la felpa il nostro partner non indossa altro che il suo profumo.

Se siete diretti verso un ristorante o una serata fuori, il non-San Valentino è sicuramente l’occasione per la donna per indossare della biancheria sexy. Ma anche qui vale la regola che ‘sotto il vestito niente’ svolge due funzioni in una, anzi tre. Non lascia segni sul vostro vestito, la consapevolezza di essere nude mantiene l’eccitazione molto alta ed è sicuramente una sorpresa gradita al partner.

Una cena fuori può essere anche l’occasione perfetta per la donna per indossare un vibratore stile bullet, magari telecomandato, affidando il telecomando all’uomo. Uno dei preliminari più sexy del terzo millennio.

Regalare

Una stella, un albero, se siete degli inguaribili romantici o avete un’anima green.

Se avete un’anima spendacciona potete orientarvi sul classico gioiello per lei, e sui gemelli con iniziali per lui. O su un accessorio sexy di lusso (EARL per lui, YVA per lei). Preziosi come gioielli, infinitamente più divertenti.

Un libro, magari erotico, che leggerete alla vostra metà, se avete un’anima letterata.
Un accessorio bondage, un massaggiatore per la coppia, un piumino estenuante, se avete un’anima sperimentatrice. Fiori&cioccolatini, se preferite il classico. Un giro in Ferrari su circuito se amate il rischio, l’adrenalina sarà benzina per il fuoco del vostro desiderio.

Chi è Valentina Grandi

Pugliese di nascita, milanese di adozione, Valentina vive al quarto piano senza ascensore. Sarà per questo che ha scelto un lavoro che può fare anche da casa. Ama i negozi vintage, i vecchi cinema e Milano.

Lascia un commento