Quanto siamo soddisfatti della nostra vita sessuale? I risultati del sondaggio LELO 2019

Ci siamo! Abbiamo finalmente i risultati del sondaggio più bollente dell’anno, mettiti comod@.

LELO ha chiesto: (quanto) sei soddisfatto della tua vita sessuale? E in più di 10.000 avete risposto!

E anche se il sesso non è certamente una questione di quando o quanto ne fai, ma di quanto ti fa stare bene, è inutile negare che cifre e percentuali, soprattutto quando ci permettono di fare paragoni, hanno un fascino irresistibile.

Per esempio, lo sai quanti partner sessuali ha in media una persona?

Abbiamo la risposta a questa e ad altre domande esistenziali e un unico scopo in mente: aiutarti a fare sesso nel modo più meraviglioso possibile!

Chi lo fa più spesso?

Se parliamo di mera quantità, la fascia di età 31-40, seguita a ruota dai 25-30enni, è la più attiva. Dati che sicuramente ci ispirano una buona dose di ottimismo.

Svizzera, Grecia e Brasile sono le nazioni in testa per numero di partner per abitante, con una media di 15-20 partner a testa. I partecipanti al sondaggio nostrani, così come quelli che ci hanno risposto dagli Stati Uniti e dalla Spagna, hanno dichiarato da 1 a 3 partner sessuali a testa, mentre gli inglesi da 4 a 8. Anche se, globalmente, la media è compresa tra 10 e 20. Chi l’avrebbe mai detto?

Come facciamo sesso?

Il doggy style, anche noto come pecorina, vince a man bassa con il 50.41% dei voti, e non a caso è la posizione preferita da tutti. L’amazzone si aggiudica il 38.24% dei voti seguita dal più classico missionario con 34.66%, a riprova del fatto che questa posizione non è assolutamente noiosa come la si vuol far sembrare (e se non ci credi, leggi qui). Il 69 ha la sua fetta di estimatori con il 17.69% di votanti (anche, se strettamente parlando, non si tratta di una posizione sessuale, visto che riguarda il sesso orale).

Quando si tratta di definire cosa rende una prestazione particolarmente buona, la sicurezza in se stessi si rivela fondamentale, visto che è stata scelta dal 52.15% dei partecipanti al sondaggio. Sicurezza in se stessi che si traduce nell’assenza di inibizioni e in un crescendo di passione dopo un inizio più delicato.

Il 32.46% dei votanti cerca un partner dominante, che si dimostri in controllo, aggressivo e forte, mentre solo il 17% dei partecipanti preferisce un(a) compagno(a) tener@ e paziente.

Trovare un partner che  condivide i tuoi stessi desideri e bisogni sotto le lenzuola non è così scontato, se hai la fortuna di averlo, non lasciartelo scappare. Ma raggiungere l’intesa in camera da letto non è assolutamente impossibile, anzi, è un passo fondamentale per avere una relazione sana e salutare.

La qualità della nostra attività sessuale

La maggior parte dei partecipanti considera la propria vita sessuale ‘buona’ (29.26%), mentre il 18.57% la definisce ‘molto buona’ e ‘inesistente’. Solo il 17.89% ha dichiarato la propria vita sessuale ‘avventurosa’, mentre un fortunato 4.95%,  la considera addirittura ‘straordinaria’, complimenti!

Alla domanda su quale sia il nemico numero uno in camera da letto, la risposta è stata, prevedibilmente, lo stress, che si è aggiudicato il 57.46% di tutti i voti. Ovviamente ci sono molti modi per vincere lo stress, ma il migliore è mettere in primo piano il nostro benessere.

E dopo lo stress, un altro nemico della seduzione, votato dal 29.94% dei partecipanti al sondaggio, è l’immagine che abbiamo del nostro corpo. Non è facile vincere le insicurezze che tutti (tutti!) abbiamo nei confronti del nostro aspetto fisico, ma dobbiamo sempre ricordarci che il nostro partner ama il nostro corpo esattamente così com’è. E se non lo ama, è il momento di cambiare partner, non noi stessi!

È infine molto interessante notare che una percentuale meno che trascurabile, ovvero il 20.86% dei partecipanti, ha indicato il telefono come principale nemico in camera da letto. Ci sono molti modi di usare lo smartphone per esaltare la nostra intesa sessuale, concentrati su quelli e dimenticati tutto il resto!

Proviamo abbastanza orgasmi?

Il 59.26% dei nostri votanti ha dichiarato di provare più orgasmi a settimana, il 18.23% una volta alla settimana circa, seguito da un 12.43% di fortunati che hanno più orgasmi al giorno. Solo lo 0.99% ha dichiarato di non aver mai provato un orgasmo.  Se anche tu soffri di anorgasmia, ricordati che, nella maggior parte dei casi non si tratta di una condizione permanente e che esistono molto modi per combatterla.

ANORGASMIA

Quando l’orgasmo si fa desiderare: anorgasmia femminile ed eiaculazione ritardata

CONTINUA A LEGGERE

Cosa fare per farlo meglio?

Esiste un modo per migliorare il sesso, il nostro modo di farlo e le sensazioni che proviamo durante? Assolutamente sì. I vostri favoriti? Dagli esercizi di Kegel al massaggio prostatico, ma sono stati citati anche l’edging, la meditazione, gli esercizi di respirazione e gli afrodisiaci.

Il maggior numero di voti comunque è andato alla masturbazione regolare e all’uso di sex toy, rispettivamente scelti dal 62.8 e dal 70.27% dei votanti.

I partecipanti per lo più hanno combinato l’uso di sex toy con le tecniche di edging e di masturbazione, e la cosa non deve sorprenderci troppo, visto che questo è pur sempre il sondaggio di LELO, un brand di sex toy, ma ci fa comunque piacere vedere quanti di voi hanno scelto di investire nel piacere personale!

Parlando di masturbazione, il 59.20% dei partecipanti ha dichiarato di masturbarsi un paio di volte alla settimana, seguito da quanti lo fanno un paio di volte al mese (19.54%) e più volte al giorno (un attivo 12.37%)!

Oltre ad aiutarti a raggiungere l’orgasmo (e a raggiungerlo più spesso) e a conoscere il tuo corpo, a comprendere cosa ti procura piacere e cosa ti lascia indifferente, la masturbazione può anche essere sfruttata come metodo per eliminare lo stress.

La prossima volta che ti senti stressat@ e hai zero voglia di fare sesso, prova a dedicarti del tempo. Non tutti noi proviamo un desiderio spontaneo, e comunque non sempre, è molto più facile che il desiderio nasca e cresca in risposta a uno stimolo. Esplorare il tuo corpo con i tuoi modi e i tuoi tempi potrebbe portarti a riconsiderare drasticamente il concetto di ‘zero voglia’!